C’ERA UNA VOLTA… IL KAMISHIBAI

C’ERA UNA VOLTA… IL KAMISHIBAI

con Greta Belometti
regia Pietro Bonaccurso
di Pietro Bonaccurso
aiuto regia Felicia Andrea De Fazio
scenografie Pietro Bonaccurso
Tecnica teatro di narrazione, con interazione con il pubblico e sand art
produzione Compagnia teatrop
durata 50 minuti
età dai 3 anni Adatto per le famiglie

 

note di regia

C’era una volta un fuoco e attorno al fuoco tante persone. C’erano anziani, adulti e bambini. Un bimbo chiedeva: “Nonno, nonno! Raccontaci una storia.” E il nonno cominciava a narrare: “C’era una volta…”. Attorno al fuoco si raccontavano le vicende della giornata e si passava il tempo inventando storie divertenti o misteriose, spesso custodi di morale. Molte volte capitava che da una storia ne nascesse un’altra cosicché la notte passava raccontandone mille, una intrecciata all’altra, come matriosche. In questo modo i racconti e le storie si tramandavano una generazione dopo l’altra.
In quanti modi possiamo raccontare una storia? Quante versioni di una stessa storia possiamo ascoltare? Cosa succede dopo il famoso “E vissero tutti Felici e Contenti…”?
Questo spettacolo nasce proprio da queste domande. La storia di Cappuccetto Rosso è solo una delle avventure raccontate dalla narratrice. In questo spettacolo vi mostriamo come sono andate le cose secondo noi, quando Cappuccetto Rosso e la nonna si sono salvate.
Servendoci di un grande e artigianalissimo Kamishibai, un’antica forma di narrazione giapponese,  arricchita di dettagli e particolari, raccontiamo dell’importanza di avere fiducia in se stessi e non avere troppa paura di ciò che non si conosce. Sarà un gioco di contaminazioni narrative e stilistiche, perché a trasformarsi non sono solo le storie ma anche i modi di raccontare. Dal racconto giapponese e a quello di tradizione siciliana fino alla moderna sand art. Un omaggio al cantastorie di ogni epoca e provenienza. pronti per questa avventura?

 

curiosità:

Il kamishibai (da kami carta e shibai teatro, ovvero “dramma di carta”) è un’antico metodo giapponese di raccontare storie. Nasce nei templi buddisti nel Giappone del XII secolo dove i monaci narravano storie dotate di insegnamenti morali. Conosce un momento di maggior splendore tra gli anni ’20 e ’50 del novecento, quando, con l’avvento del cinema sonoro, i narratori “Benshi” delle sale del muto, non dovendo più dar voce ai protagonisti e commentare le vicende sullo schermo, iniziarono a spostarsi di villaggio in villaggio per raccontare storie ai bambini servendosi proprio di Kamishibai collocati sulle loro biciclette. Il Kamishibai è un teatro d’immagini: una valigetta in legno nella quale vengono inserite delle tavole stampate. Lo spettatore vede l’immagine mentre il narratore legge la storia. L’usanza del kamishibai è stata recentemente rilanciata nelle biblioteche e nelle scuole elementari.

 

La Sand Art è una recentissima tecnica di racconto visuale dove le immagini vengono create dal vivo su una tavola luminosa. Mani e dita, come pennelli, creano le immagini di sabbia che, in accordo con la musica, si trasformano continuamente in altri disegni dando vita a una vera e propria danza narrativa.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


  • -settings-time-7
  • redux_current_tab_get
  • redux_current_tab
  • _gid
  • _ga
  • _gat
  • 1P_J

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi